The is no time to enjoy the sun, a Palazzo Caracciolo continua la mostra dei giovani artisti campani.

0

È stata prolungata fino al 31 luglio la mostra in corso a Napoli, al Palazzo Caracciolo di Avellino, sede della Fondazione Morra Greco e galleria d’arte contemporanea: There is no time to enjoy the sun.
Il palazzo, che da poco è ha avuto un importante restauro, è stato a lungo chiuso per la forzatura del periodo pandemico. Palazzo Caracciolo, è tra le altre cose, anche l’antica casa di Torquato Tasso. Il mausoleo per l’attuale mostra, ospita su 5 piani 71 opere di 19 giovani artisti campani della generazione Y, nati tra gli anni Ottanta e Novanta, tra i più penalizzati nell’ultimo anno e mezzo.

A questi giovani, parte di una generazione in bilico e dal futuro indefinito, la Fondazione Morra Greco ha affidato il suo ampio spazio espositivo. Una mostra che è una riflessione sui tempi in cui viviamo, tra isolamento e ricerca di nuove modalità espressive.
Il risultato è un’emozionante sforzo sperimentale di linguaggi visivi, dal suono alla scultura, dal video alla pittura, attraverso installazioni e film, simbolo di una vitalità solo costretta ma mai sopita, in un territorio che vive di energie sotterranee e al contempo straripanti.


Maurizio Morra Greco, presidente della Fondazione da anni al fianco dei giovani artisti, così spiega l’origine di questa collettiva curata da Federico Del Vecchio: «Abbiamo voluto dedicare a questi giovani e validi artisti campani uno spazio di condivisione. La loro generazione in questo momento pandemico ha più bisogno di sostegno collettivo».


There is no time to enjoy the sun gioca sin dal titolo sulla contraddizione di una città che, tenendo conto del cliché mediterraneo, nonostante i numerosi problemi riesce a godersi la vita.
La mostra è visitabile gratuitamente, su prenotazione. Sul sito www.fondazionemorragreco.com è possibile anche un tour virtuale nelle stanze del prestigioso Palazzo Caracciolo di Avellino, la maggior parte con bellissimi affreschi del ‘700 e dell’800 riportati alla luce dal recente restauro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here