Che in data 23.04.2020, con decreto n. 45 è stato approvato l’Avviso regionale per l’attuazione dell’Azione “Sostegno al fitto delle abitazioni principali per situazioni di emergenza socioeconomica” di cui alla D.G.R. n. 170 del 7 aprile 2020, e pertanto è possibile presentare istanza per accedere al beneficio in oggetto.

DESTINATARI: Sono destinatari del presente avviso, i titolari di un contratto di locazione nel comune di Afragola, registrato prima del 23.02.2020, che hanno subito una riduzione della capacità reddituale a causa delle misure restrittive adottate per il contenimento della diffusione del COVID- 19

ESCLUSIONI:Sonoesclusigliassegnatari di case popolari

REQUISITI DI ACCESSO: 1. Essere titolare di un contratto di locazione, registrato prima del 23/02/2020 ed in corso di validità, di un immobile di categoria da A/2 ad A/7 adibito ad abitazione principale. Possono partecipare i locatari di alloggi sociali, compreso gli assegnatari di Cooperative edilizie a proprietà indivisa titolari di un contratto di assegnazione in godimento e/o di locazione stipulato prima del 23/02/2020, con esclusione degli assegnatari di alloggi di Edilizia Sovvenzionata (case popolari). 2. Non essere titolare del 100% del diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di un alloggio situato sul territorio regionale e adeguato al proprio nucleo familiare. 3. Avere percepito nell’anno 2018, per l’intero nucleo familiare, un reddito imponibile pari o inferiore ad € 35.000,00 (rigo RN4 modello UNICO 2019 – rigo 14 modello 730-3/2019). 4. Per i nuclei familiari in cui vi è un soggetto titolare di reddito di impresa, arte o professione: aver subito, per effetto delle misure restrittive introdotte per il contenimento dell’epidemia da COVID-19, una riduzione del volume d’affari di almeno il 50 per cento sul totale dei mesi di marzo e aprile 2020 rispetto ai mesi di gennaio e febbraio del medesimo anno. 5. Per i nuclei familiari in cui vi è un soggetto titolare di reddito da lavoro dipendente o assimilato al lavoro dipendente: aver subito, per effetto delle misure restrittive introdotte per il contenimento dell’epidemia da COVID-19, una riduzione del reddito da lavoro dipendente e/o assimilato di almeno il 20 per cento sul totale percepito nei mesi di marzo e aprile 2020 rispetto ai mesi di gennaio e febbraio del medesimo anno. 6. Per i nuclei familiari in cui vi sono soggetti titolari di redditi da lavoro dipendente e soggetti titolari di reddito di impresa, arte e professioni, oppure il medesimo soggetto è titolare di entrambe le categorie di reddito, è necessario che per almeno una categoria di reddito sia rispettato il requisito di cui ai punti 4 o 5. Ossia, la quota di reddito da lavoro dipendente deve aver subito, per effetto delle misure restrittive introdotte per il contenimento dell’epidemia da COVID-19, una riduzione di almeno il 20 per cento sul totale percepito nei mesi di marzo e aprile 2020 rispetto ai mesi di gennaio e febbraio del medesimo anno, oppure, in alternativa, la quota di reddito di impresa, arte o professione deve aver subito una riduzione del volume d’affari di almeno il 50 per cento sul totale dei mesi di marzo e aprile 2020 rispetto ai mesi di gennaio e febbraio del medesimo anno. 7. I contributi in oggetto sono compatibili con qualsiasi altra misura statale, anche avente analoga finalità, e sono incompatibili con altre misure regionali di sostegno al fitto per il medesimo periodo. Nel caso di contemporanea ammissione a contributo bando fitti 2019 (in scadenza il 27 aprile c.a.), il Comune procederà all’erogazione di un solo contributo, per l’importo più favorevole al cittadino.

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO: 1. 50% del canone mensile per tre mensilità; 2. importo massimo del contributo complessivo: € 750,00; Il sostegno sarà erogato a favore dei beneficiari nell’ordine della graduatoria approvata. Il sostegno sarà determinato in base al reddito complessivo familiare più basso, come dichiarato nella domanda e, solo in caso di parità, secondo l’ordine cronologico di invio delle domande La somma spettante a ciascun beneficiario sarà erogata nell’arco dei 15 gg. successivi all’accredito dei fondi da parte della Regione Campania

TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: Gli Interessati potranno inoltrare la domanda al Comune di Afragola, anche attraverso i Centri di Assistenza Fiscale (CAF) o le Organizzazioni sindacali. La domanda dovrà essere presentata inderogabilmente entro le ore 17.00 del giorno 7 maggio 2020 all’indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo@pec.comune.afragola.na.it. La domanda dovrà essere presentata esclusivamente utilizzando il modello di domanda predisposto dal Comune, unitamente agli allegati previsti, sotto forma di autocertificazione ai sensi degli art. 46 e 47 del DPR 445/2000 L’ufficio servizi sociali provvederà a raccogliere le domande dei richiedenti in possesso dei requisiti previsti dal presente Avviso e, a seguito di controllo della regolarità formale delle autocertificazioni, a predisporre un elenco di richiedenti con indicazione dell’ammontare spettante a ciascuno, che sarà trasmesso alla regione entro il giorno 12 maggio 2020.

PRECISAZIONE: I richiedenti sono invitati a compilare con estrema attenzione i dati anagrafici ed i dati relativi alle coordinate bancarie e/o postali sulle quali ricevere l’accredito. Nel caso in cui il conto corrente bancario o postale ove dovranno essere accreditate le somme è intestato a persona diversa dal richiedente/beneficiario, la richiesta di accredito deve contenere anche le generalità complete della persona che riscuote, compreso il codice fiscale. In caso di ammissione al beneficio e di scelta della modalità di riscossione in contanti presso la Tesoreria del Comune di Afragola, i beneficiari sono informati che i tempi di pagamento non dipendono dal comune di Afragola, poiché sono legati alla organizzazione del Tesoriere che per evitare assembramenti potrà stabilire tempi e modalità del ritiro.

SCARICA QUI IL MODULO DI DOMANDA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here