Nessun obbligo di mascherine all’aperto. Nessuna misura, spiegano fonti di Palazzo Chigi, è stata approvata in merito dal Consiglio dei Ministri che ha varato la proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2022.

Si allunga, però, l’elenco delle città che attraverso un’ordinanza specifica sanciscono la necessità di indossare il dispositivo anti Covid nel centro cittadino e nei luoghi più affollati e con assembramenti. Misure valide per quanto riguarda i centro a Milano, Bergamo, Bologna, Padova, Aosta e Venezia.

A quanto apprende l’Adnkronos, la nuova stretta varata dal Consiglio dei ministri per frenare la nuova ondata anti-Covid si concentra su chi fa ingresso in Italia dall’estero. A volere il cambio di passo, si apprende da fonti di governo, i ministri della Salute e degli Esteri, Roberto Speranza e Luigi Di Maio. Per chi arriva anche da Paesi dall’Ue, ma non è vaccinato non sarà sufficiente mostrare il tampone negativo per circolare in Italia, ma si incorrerà nell’obbligo di quarantena. Non solo. Anche ai vaccinati verrà chiesto di mostrare l’esito di un tampone negativo.

La stretta arriverà attraverso un’ordinanza che dovrebbe essere firmata già in serata, frutto dell’intesa tra i due dicasteri, Salute ed Esteri. La quarantena per i non vaccinati in arrivo in Italia dovrebbe essere di cinque giorni, mentre, per quanto riguarda gli immunizzati, dovrebbe essere sufficiente un test rapido per poter circolare nel nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here