La denuncia di Codacons, presentato esposto all’Antitrust. I listini dei carburanti continuano a mantenersi su livelli elevatissimi, al punto che in autostrada il prezzo del gasolio in modalità servito supera in molti distributori i 2,4 euro al litro, sfondando sulla A14 il tetto dei 2,5 euro. 

Lo denuncia il Codacons in base ai prezzi comunicati tra ieri e oggi dai gestori al ministero delle Imprese: sulla A1 la verde arriva a costare 2,369 euro al litro col servito, il gasolio 2,449 euro/litro; situazione analoga sulla A4 dove un litro di benzina arriva a 2,384 euro, il diesel 2,459 euro. 2,499 euro/litro il gasolio sulla A21, 2,471 euro/litro sulla A13. Sulla A14 i listini hanno sfondato la soglia psicologica dei 2,5 euro al litro: benzina 2,444 euro, gasolio 2,531 euro.

Proprio sull’andamento anomalo dei listini alla pompa il Codacons, dopo la denuncia a 104 Procure e Guardia di Finanza, ha presentato ieri l’annunciato esposto all’Antitrust, chiedendo all’autorità di aprire una istruttoria per accertare eventuali pratiche scorrette o cartelli anti-concorrenza.

Intanto, il governo valuta azioni per combattere gli aumenti e contrastare eventuali speculazioni sui listini. Oggi la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, insieme con il ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti, incontrerà quindi a Palazzo Chigi il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen. Giuseppe Zafarana, per fare il punto e valutare ogni possibile ulteriore azione di contrasto volta a scongiurare aumenti considerati anomali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here