Morta a Napoli a pochi giorni dal vaccino anti Covid. Annamaria Mantile, 62 anni, che insegnava inglese all’Istituto Compresivo Statale Cesare Pavese, in zona Rione Alto, sabato scorso aveva ricevuto il vaccino Astrazeneca, come tanti altri insegnanti che in questo periodo si stanno sottoponendo alle vaccinazioni anti Covid. Al momento, non esiste alcun legame tra la somministrazione del vaccino ed il decesso della donna. Soltanto l’esame autoptico potrà chiarire le cause esatte del decesso.

La famiglia ha presentato una denuncia alla compagnia carabinieri del Vomero, che hanno disposto il sequestro della salma. Stando a quanto ricostruito finora, sabato scorso la donna si era recata regolarmente alla Mostra d’Oltremare per ricevere il vaccino Covid, e stava apparentemente bene. Nei giorni successivi ha invece iniziato a stare male, accusando in particolare nausea e forti dolori. Dopo un lavaggio, la situazione sembrava rientrare verso la normalità. Poi l’improvviso peggioramento: problemi respiratori ed arresto cardiaco che hanno portato al decesso della 62enne nelle scorse ore.

Decesso che ha lasciato sgomenti familiari e amici: proprio i familiari hanno presentato denuncia ai carabinieri della compagnia Vomero, che hanno disposto il sequestro della salma e l’autopsia sul corpo della donna: fondamentale, quest’ultima, proprio per capire l’esatta causa del decesso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here