Campania zona gialla, bar e ristoranti: dai tavoli all’aperto al coprifuoco. Ecco le regole

0

La Campania e altre 14 regioni si svegliano in zona gialla, affrontando la giornata con misure restrittive più lievi rispetto a quelle delle ultime settimane. 

Questo significa via libera a ristoranti, sport e spettacoli all’aperto, così come per cinema e teatri, anche al chiuso e con alcune limitazioni. Inoltre, saranno consentiti gli spostamenti tra regioni gialle, anche per turismo e senza bisogno di autocerficazione o carta verde (pass vaccinale che invece permetterà di muoversi per villeggiatura verso zona rossa o arancione).

Ma vediamo cosa succede, in particolare, a bar e ristoranti. Proprio questi locali, fino a ieri, erano costretti al solo servizio d’asporto o domicilio.  Da oggi cosa è consentito fare e come bisogna comportarsi? Ecco le nuove regole.

Dal 26 aprile, bar e ristoranti possono stare aperti a pranzo e a cena, purché all’aperto. Solo dal 1° giugno, sempre solo in zona gialla, i ristoranti potranno restare aperti anche al chiuso dalle 5 alle 18. Sono state fissate regole sul distanziamento – almeno un metro – e sull’occupazione dei tavoli: massimo quattro persone, a meno che non si tratti di conviventi. Ma circolare esplicativa emanata dal Viminale segnala che è consentito il servizio ai tavoli all’aperto e anche al banco solo “in presenza di strutture che consentano la consumazione all’aperto”. Solo servizio ai tavoli e asporto è ammesso fino alle 18. Ma non sarà possibile consumare all’interno dei locali, è solo consentito acquistare cibo e bevande da asporto.

Il coprifuoco resta fissato alle 22, quindi si può restare al ristorante in base al tempo che serve per fare ritorno nella propria abitazione. Unica eccezione per pranzare o cenare al chiuso è all’interno delle strutture alberghiere in zona gialla, è consentito mangiare a pranzo e cena, ma solo ai clienti che soggiornano all’interno.

Mentre nelle aree di servizio Possono restare aperti oltre le 18 solo gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che si trovano nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro. I servizi di ristorazione all’interno degli aeroporti possono restare aperti oltre le 18, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here