E’ scattata ieri mattina l’operazione dei Carabinieri che ha portato in manette sette persone. Destinatari delle misure cautelari, con destinazione carcere, Ernesto Giordano, il 28enne ferito a colpi d’arma da fuoco alcune notti fa a Scampia; Salvatore D’Ambrosio, alias Coca Cola, 44 anni, di Orta di Atella; Mariglen Lazi, detto Luca, 37enne albanese. Disposti i domiciliari, invece, per Nicola Giaccio, 25enne di Melito, e per Pasquale Sacchettino, alias Zio Pasquale, 57 anni, e Raffaele Sacchettino, 30 anni, questi ultimi due rispettivamente padre e fratello di Vincenzo Sacchettino; anche per “Danielino di Gomorra” sono stati disposti gli arresti domiciliari. Nell’indagine risultano indagate altre tre persone, tutte di Napoli, accusate di spaccio. La banda di spacciatori che si muoveva tra le province di Napoli e Caserta

Per l’ex attore si tratta del quarto arresto. Sacchettino, nella fortunata serie tv interpretava il giovane meccanico arruolato da Ciro Di Marzio per uccidere un affiliato al clan di Salvatore Conte e poi da quest’ultimo ucciso nella memorabile scena del “Vieni a te piglia’ o perdono”. Nello scorso gennaio Sacchettino fu fermato a Scampia per un controllo e trovato in possesso delle chiavi di un’automobile in cui era custodita una pistola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here