L’ennesima riunione di maggioranza, si è trasformata nel peggiore teatrino a cui questa città è costretta ad assistere. Oggi pomeriggio quel che resta della maggioranza si è riunita al cospetto del sindaco, che per l’ennesima volta ha pensato bene di presentarsi con le dimissioni pronte da protocollare. Ma come volevasi dimostrare nulla di fatto. I consiglieri presenti hanno tentato per l’ennesima volta di trovare una via d’uscita ad un labirinto senza fine.

Le posizioni dei singoli e dei vari gruppi non sono più compatibili e le richieste, in molti casi assurde e insensate, non sembrano collimare in maniera più assoluta con le esigenze della città. A tirare la corda su tutti i consiglieri di Forza Italia Civica Ausanio e Caiazzo, che da mesi ormai rivendicano più spazio nella maggioranza ed il consigliere Boemio, in disaccordo con l’opportunità della delega da vicesindaco al gruppo di Scelta Democratica.

Insomma, sono “volati gli stracci” e al No del sindaco, sulla richiesta di azzeramento del nucleo di valutazione di Ausanio, lo stesso ha minacciato il tavolo di mollare tutto e “andare da Nespoli”. Da questo si chiarisce anche la cifra della riunione e segna l’ennesimo fallimento nel trovare una soluzione. Infatti i consiglieri presenti hanno pensato bene di evitare le ennesime dimissioni del sindaco, firmando contestualmente le loro di dimissioni così da mettere fine a questa amministrazione. Ma qui è andato in scena il solito teatrino.
Infatti le firme per le dimissioni sarebbero state solo 12. A mancare la firma del consigliere Biagio Montefusco, che tra i presenti ancora tentava di rimanere ancorato ad una amministrazione inesistente. Nel tentativo di convincere il consigliere a mettere fine definitivamente a questa esperienza, è iniziato il “fuggi fuggi” generale. Alcuni consiglieri compreso il sindaco si sono dileguati e con loro anche la Segretaria generale. Insomma, il solito teatrino che ha partorito il più classico dei “nulla di fatto”. Tutti rinviato e tutti incollati alla sedia. Senza nessuna visione, senza alcun collante ma soprattutto senza nessun beneficio per la città. Ma queste sono cose che già vi abbiamo raccontato…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here