AFRAGOLA – La panchina rossa sì, ma niente casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza

0

L’apparenza prima della sostanza. La lotta alla violenza sulle donne è un argomento molto serio. La richiesta della Masseria Antonio Esposito Ferraioli è legittima e apre a un quesito importante: “Le donne hanno bisogno di una panchina o di sostegno reale e concreto?”. La panchina rossa simbolica è stupenda, ma solo dopo…

Di seguito il post della Masseria Antonio Esposito Ferraioli.

“IL COMUNE DI AFRAGOLA INSTALLA UNA PANCHINA ROSSA PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA MA GLI NEGA UNA CASA DI ACCOGLIENZA”

“Nonostante la meritoria e importante iniziativa de “La panchina rossa” come simbolo della lotta contro la violenza di genere sono costretto a sottolineare che il Comune di Afragola è ancora inadempiente nell’attuazione del progetto finanziato dal Ministero dell’Interno nell’ambito del PON Legalità che prevede la creazione di una casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza presso il più grande bene confiscato alla camorra dell’intera area metropolitana di Napoli e riutilizzato per scopi sociali dal primo marzo 2017, la Masseria Antonio Esposito Ferraioli.

La panchina è un atto simbolico di estrema importanza che condividiamo, il contrasto alla violenza di genere è tema serio e delicato che richiede impegno e tanto lavoro per eliminare una piaga dei nostri tempi, ed è per questo che agli atti simbolici devono sempre seguire quelli concreti! Ma la concretezza non sembra appartenere all’amministrazione comunale di Afragola che, nel frattempo, rischia di perdere il finanziamento di € 1.497.000,00 che prevede, tra l’altro, la nascita di una casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza e permetterebbe di attivare progetti volti all’autonomia e all’inserimento lavorativo.

È ormai dal 12 giugno 2018, infatti, che il Comune di Afragola ha sottoscritto l’affidamento del contributo ma da allora non è stato fatto sostanzialmente nulla. Diciassette mesi lunghissimi in cui si rischia che il finanziamento venga perso, diciassette mesi in cui ai “faremo e diremo” del Sindaco Grillo e della sua maggioranza non è seguito nessun atto concreto.
Addirittura, nel Consiglio Comunale dell’11 ottobre 2019, l’Assessore al Patrimonio Affinito, rispondendo all’interrogazione del gruppo consiliare “A Viso Aperto” ed all’intervento di Giovanni Russo, direttore della Masseria Ferraioli, dichiarava:” […] fermo restando che nessun ritardo può essere ammesso da qui in avanti per questo argomento e, ovviamente nel mese di agosto l’amministrazione si è vista, anche su indicazione della Segretaria che ha richiamato l’attenzione su un discorso importante che è l’adeguamento del Regolamento per gli incarichi professionali, noi abbiamo dovuto portare in Giunta l’adeguamento del Regolamento ai sensi delle nuove guide dell’ANAC e delle nuove normative, per l’affidamento di incarichi esterni, è stato formalizzato dal Dirigente, l’ing. Boccia, è in pubblicazione, il 12 ottobre, tra poche ore scadono i termini della pubblicazione e, finalmente, dal giorno dopo, possiamo già partire con gli affidamenti degli incarichi. […]” – al seguente link è possibile leggere tutto il verbale del Consiglio Comunale citato http://www.comune.afragola.na.it/…/D…/VerbaliCC/11ot19af.pdf

Devo sottolineare con sconcerto che in un mese e mezzo degli incarichi e di altre attività, atte al prosieguo del progetto, non vi è alcuna traccia. Ormai siamo di fronte a due opzioni: o una totale inerzia amministrativa gravissima, o ad una specifica volontà di non restituire ai Cittadini il bene confiscato dando sostanza e forma ad un importantissimo presidio di Legalità in grado di dare risposte concrete, soprattutto lavoro e spazi di socialità, ai fenomeni criminali che comunque attraversano i nostri territori!

Qualunque sia la risposta siamo di fronte a responsabilità gravissime ed è per questo che abbiamo, da tempi non sospetti, chiesto anche il supporto di tutte le Istituzioni preposte alla sorveglianza ed al controllo. In primis alla Prefetto di Napoli, Dottoressa Carmela Pagano, alla quale abbiamo chiesto di valutare l’opportunità di inviare una Commissione di Accesso presso il Comune di Afragola.
Continueremo a chiedere a gran voce: “cosa” o “chi” impedisce che da 17 mesi a questa parte che non si spendano € 1.497.000,00 già assegnati per ristrutturare la Masseria Ferraioli?
Ovviamente auspichiamo che agli atti simbolici, come l’installazione di una panchina o il definirsi “per la Legalità”, seguano atti concreti per sbloccare la situazione e costruire un futuro diverso.

Giovanni Sottencoppa Russo – Direttore Masseria Ferraioli
_________________________________________________
Ricapitoliamo i numeri del PON
Come in tanti già sanno dal 12 giungo 2018 (data di sottoscrizione della convenzione tra il Ministero ed il Comune) ad oggi non è stato speso neanche un euro con il rischio concreto di dover restituire € 1.497.000,00
UNMILIONEQUATTROCENTONOVANTASETTEMILA EURO stanziati per la ristrutturazione della Masseria Antonio Esposito Ferraioli ed inspiegabilmente bloccati.
– € 119.328,61 / centodiciannovemilatrecentoventotto e sessantuno centesimi: sono i soldi per incarichi professionali esterni ed interni che il Comune deve conferire e da 17 mesi… nulla!
– € 1.365.813,97 / unmilionetrecentosessantacinquemilaottocentotredici e novantasette centesimi: sono i soldi della gara pubblica per l’affidamento dei lavori edili e da 17 mesi… nulla!
– € 12.200,00 / dodicimiladuecento: sono i soldi in attività di comunicazione che il Comune deve spendere e da 17 mesi… nulla!

Questo importante finanziamento, concesso dal Ministero dell’Interno al Comune di Afragola il 12 giugno 2018 (!!!) potrebbe creare immediati posti di lavoro per la Città, restituire e rendere produttivo (con la possibilità di creare ulteriori posti di lavoro) il bene confiscato alla camorra più grande dell’intera area metropolitana di Napoli, dotare la Città di una casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza… ed invece da 17 mesi … nulla!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here