Oggi c’è saltato agli occhi una determina del Comune di Afragola del giorno 7 novembre 2018 che liquida all’associazione “Musicanima” una somma di 2.767,70€. Per capire a cosa ci riferiamo torniamo indietro di appena 3 mesi. L’associazione chiede al Comune di Afragola il patrocinio economico e morale per la festa di ferragosto. Il comune accoglie la richiesta è concede il patrocinio per l’evento: un contributo pari a 31476,00€ Iva compresa, con delibera di giunta del 31 luglio 2018. L’evento però viene rinviato causa problemi di salute per il Maestro Campagnoli, fortunatamente risolti nelle successive settimane. Per questo l’evento viene fissato per la festa di San Francesco il giorno 6 ottobre. Ma ancora una volta niente di fatto, causa emergenza meteo l’evento viene definitivamente annullato.

Arriviamo ad oggi, anzi al giorno 7 novembre praticamente ad un mese dall’annullamento della manifestazione e sul sito del comune troviamo pubblicata una determina di liquidazione di spese fatte per l’evento mai realizzato. La somma sarebbe servita al pagamento di alcune fatture emesse per l’organizzazione dell’evento. La prima anomalia che ci è saltata agli occhi è stato vedere la determina di liquidazione per un evento nemmeno mai svolto dopo appena un mese dalla data fissata per lo svolgimento. Una velocità quasi da record, considerando che per molte associazioni passano svariati mesi o in alcuni casi anche anni per ricevere pagamenti dal Comune di Afragola per eventi realmente svolti e per somme spesso inferiori. Eppure chi ha scritto la determina parla di somme esigue visto l’impegno oneroso speso per l’evento.

Insomma, come si spiega questo doppiopesismo all’interno dello stesso ente? Ma non è tutto. Abbiamo dato uno sguardo alle fatture che il Comune ha pagato per l’evento mai svolto e troviamo ben due fatture della somma di 1220 euro per uno spettacolo pirotecnico mai realizzato e una delle fatture dell’enel addirittura emessa il giorno prima della delibera di giunta comunale (30.07.2018) che affidava l’evento all’associazione. Inoltre, spulciando tutte le carte tra artisti, fornitori, organizzatori e pseudo tali troviamo molte persone legate al sindaco e alle sue “stanze”. Infine un quesito è d’obbligo: Era il comune che doveva pagare queste fatture? Una cosa è certa a pagare questi “sprechi” sono e saranno sempre i cittadini di Afragola.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here