Casalnuovo. Grande successo per la VII edizione della settimana del benessere psicologico

“Come io mi vedo come io mi sento” l'evento organizzato dall'ordine degli psicologi e dal Comune di Casalnuovo.

0
227

Sabato mattina si è tenuto l’evento per la VII edizione della settimana del benessere psicologico “Come io mi vedo come io mi sento” l’immagine del Sè, cura personale e benessere psicologico nelle difficoltà della crescita, organizzato dall’ ordine degli psicologi della Campania in partnership con l’amministrazione comunale presso l’istituto Giancarlo Siani di Casalnuovo. Evento voluto fortemente dall’assessore Nicoletta Romano e dal sindaco Massimo Pelliccia. Il contesto scolastico si è rivelato tra i più adatti ad ospitare il viaggio attraverso la propria immagine e quella altrui. I ragazzi del terzo e quarto anno, hanno accettato questa volta, di non essere semplici ricettori dell’uditorio, ma di farsi coinvolgere partecipando attivamente. L’ ordine degli psicologi, nella persona della dottoressa Marianna Piccirillo, ha spiegato l’importanza di portare la settimana del benessere nelle scuole, il preside Luigi Manno ha, invece, raccontato quanto l’operato degli psicologi e dello sportello ascolto scolastico nell’ ultimo anno sia stato d’aiuto agli alunni, agli insegnanti e tutto il personale coinvolto. Infine, la dottoressa Fabiana Frisenda ha gettato le basi concettuali e teoriche dell’importanza dell’immagine di Sè, della percezione di quest’ultima e del senso di auto efficacia percepita in una età adolescenziale in un momento di continua transizione. Un cenno sull’ importanza dei servizi costituiti dall’ amministrazione e sul lavoro portato avanti sul territorio è stato dato dalla dottoressa Maria Rosaria Ceraso, portavoce dell’amministrazione, la quale ha dichiarato : “Siamo in un nuovo momento storico sociale del nostro territorio, che ci porta a passare da un concetto  di istituzione passiva, rigida statica che attende che l’utenza si mobiliti per chiedere aiuto, ad una in cui si propongono modelli nuovi di servizi molto più radicati sul territorio ed in continua crescita, servizi che vanno in contro alla comunità e le esigenze espresse, costruendo finalmente, visto anche ciò che è stato realizzato fino adesso, un concetto di istituzione in movimento flessibile ben integrata nel tessuto sociale d appartenenza. Che esce dai propri locali per andare verso la propria cittadinanza e che propone modelli di riferimento in continua crescita”.

Ha concluso l’incontro il dottor Caschetto Andrea, ambasciatore del sorriso unicef 2017 e già al suo secondo libro dal titolo “Come se io fossi te”, che generosamente si è speso con e per I ragazzi, raccontandosi genuinamente nelle sue difficolta e successi, e lasciando agli stessi un’immagine di sè in continua ristrutturazione. Lo stesso, sedutosi tra I ragazzi, ha spiegato le frustrazioni e le sensazioni provate alla perdita della memoria a breve termine, e della fatica di poter accettare un tale cambiamento mettendosi in continua discussione. Nella sala è stata a disposizione degli studenti Elena, una giovane ritrattista che ha disegnato attraverso autodescrizioni i volti dei ragazzi, rendendo subito evidente il divario tra come ci si vede e come si è visti dall’ altro.  La dottoressa Ceraso ha proposto un argomento importante cercando di portarlo attraverso “Esperienze di vita pratica” utilizzando: emozioni, sensazioni, bilanci di attiva intraprese, teoria, esperienze di vita personale. Tutto conclusosi con una profonda curiosità, mille domande ed un bagno di folla per il dottor Andrea Caschetto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here