26 Maggio 2017 24/05/2017 , 17.30 Afragola | Concas e Monteusco tentano il "ritorno" ma il Pd li mette alla porta! 13/05/2017 , 11.15 Afragola | Esclusiva - Concas e Montefusco fuori dal Pd. L'On. Piccolo scrive alla Commissione di Garanzia 03/05/2017 , 10.10 Afragola | Ad Afragola vince Renzi ma perde il Pd 20/04/2017 , 19.45 Afragola | Afragola. Bilancio Ok. la maggioranza vota compatta 13/04/2017 , 12.00 Caivano | Caivano. Forza Italia serra le fila. Mellone: "Gruppo compatto e coeso" 12/04/2017 , 10.50 Afragola | Afragola. Concas fuori dal Pd se vota contro il Bilancio. Il partito fa chiarezza 11/04/2017 , 19.20 Afragola | Politiche Sociali. Afragola lascia l'Ambito 19 30/03/2017 , 18.14 Afragola | Città Metropolitana. DeMa assegna le deleghe. Ad Antonio Caiazzo va il Patrimonio 27/03/2017 , 01:52:21 Afragola | Il maestro Sepe racconta Vittorio Sgarbi a Napoli 27/03/2017 , 01:06:36 Cardito | Di Micco si dimette per “problemi personali”. Sarà sostituito da una donna

Il maestro Sepe racconta Vittorio Sgarbi a Napoli

Un meraviglioso viaggio tra i tesori nascosti di Napoli

Non la chiamate mostra, questo è un vero museo. È un'esposizione per la gloria dell'Italia, per la felicità di Napoli” così l'ha definita Vittorio Sgarbi.

Di Domenico Sepe

Nei prestigiosi spazi di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta in via Tribunali, nasce uno scrigno d'arte, situato proprio nel cuore di Napoli. Il complesso appena restaurato è un vero e proprio «tesoro nascosto», caratterizzato dalla cappella rinascimentale del Pontano e quella del Capuccio che vanta il campanile più antico di Napoli, l'impianto del VI secolo, che fino a qualche anno era in stato di abbandono. Un percorso che tratteggia la geografia artistica italiana con opere realizzate in un arco temporale che va dal XIII al XX ripercorrerà infatti un arco temporale di oltre sette secoli. “Tesori nascosti” è una mostra curata dal critico d'arte Vittorio Sgarbi. Un viaggio nella storia dell'arte che va dal Medioevo sino al Novecento e racconta una evoluzione degli stili, delle correnti, e degli snodi fondamentali della storia dell'arte italiana che lascerà gli spettatori storditi da una immensa bellezza. Tino di Camaino, Merisi, Gemito, centocinquanta opere provenienti da collezioni private, tra cui la «Maddalena addolorata» del Caravaggio. I capolavori selezionati (visitabili fino al 28 maggio 2017) nascosti al grande pubblico, perché esposti presso fondazioni bancarie, istituzioni e privati, rappresentano una vera e propria "scoperta", un tesoro misterioso, come la città che ospita la mostra. "Tesori

nascosti" un titolo che ci suggerisce una riflessione, quella di “portare alla luce” ciò che normalmente è “nascosto”. Si tratta dunque di dare spazio al mistero del collezionismo, che secondo Vittorio Sgarbi è «l'interesse per ciò che non c'è». L'allestimento della mostra ricorda corridoi e stanze di un antico museo, sembra un viaggio nel tempo che attraversa la storia dell'arte, e quella della città di Napoli. Dei tre maestri che danno il nome alla mostra, di Tino di Camaino c'è il San Giovanni Evangelista (1328-1335). Mentre per il Caravaggio c'è la Maddalena (1605-1606) alla quale è riservato un posto d'onore, in un contesto estremamente suggestivo. Di Gemito in mostra «Lo scugnizzo» e il ritratto di Fortuny (opere dal 1880 al 1890). Il viaggio prosegue in un percorso suggestivo, una testa di maestro federiciano del 1250 fino al un autoritratto di Antonio Ligabue, da Paolo Veronese a Guido Reni, da Tiziano a Battistello Caracciolo a Riberae Guercino, da Mattia Preti a Luca Giordano, da Solimene a Pitloo, sino a Cammarano, Mancini, Notte, Viti, de Pisis, de Chirico, Morandi.  Oltre 150 opere La mostra è una vera e propria fusione tra mecenatismo e imprenditoria della cultura per mettere in risalto il nostro immenso patrimonio.

 

Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta. Piazzetta Pietrasanta 17-18 (via dei Tribunali), Napoli. Fino al 28 maggio 2017 

Da Lunedì a Venerdì dalle 10:00 alle 20:00. Sabato e Domenica dalle 10:00 alle 23:00 (con estensione fino a mezzanotte da maggio 2017)



27/03/2017


Lascia un commento

N.B. I messaggi sono soggetti a controllo preventivo, quindi non saranno pubblicati direttamente, ma solo dopo conferma da parte dell'amministratore di sistema. Si prega di non lasciare commenti offensivi, o che possano ledere la dignità di alcuno, si ricorda che verranno salvati i dati (IP,ecc..) per eventuali azioni legali,in caso di illeciti, agli organi competenti.

Nome
Mail (Non verrà pubblicata)
WWW:
Messaggio:
/// Foto & Feed
/// News
Quotidiano Online del periodico "Mosaico".
Direttore Responsabile Antonio Auricchio.
Redazione redazione@napolimetropoli.it
Autorizzazione del Tribunale di Napoli n°54 del 13 luglio 2009.